La luce è una delle necessità della vita. Non saremmo su questo pianeta, se non ci fosse stata la luce. Quando non c’è luce naturale, dobbiamo crearne di artificiale. Ed è così che è fin dal principio. Nel 400.000 aC Homo erectus trova il fuoco, molto probabilmente per caso quando un fulmine ha colpito un albero o un cespuglio. Lo sviluppo umano nasce da quell’incidente.

Gli inizi

Prima luce portatile era una torcia – un filato o un fascio di bastoni legati insieme con una estremità cosparso di un liquido infiammabile e acceso.

Nel  70.000 ac circa comparirono le prime lampade ad olio, create da pietre cave o conchiglie che erano piene di muschio imbevuto di grasso animale. Nell’antica Grecia furono realizzate da argilla su un tornio e poi in stampi che hanno dato una migliore qualità e abilitato la produzione di massa.

Le prime candele sono state create in Cina nel 200 aC dal grasso di balena con lo stoppino di carta di riso. Attraverso il tempo sono state fatte da altri materiali, come il sego, spermaceti, olio di colza e cera d’api fino alla scoperta di cera di paraffina che ha reso la produzione di candele a basso costo e le candele a prezzi accessibili a tutti.

Dalle lampade ad olio ai giorni nostri

Le lampade ad olio rimasti praticamente la stessa fino al 18 ° secolo e l’uomo chiamato Aime Argand. Era chimico svizzero e ha fatto una “lampada Argand” che è stato migliorato variante di una lampada ad olio. Aveva stoppino cilindrico che ha dato fiamma più grande e con quello più luce, aveva un’apertura sul fondo che alimenta la fiamma con ossigeno e un camino di vetro cilindrico diretto il progetto dall’ambiente soffietto e protetti dalla fiamma. Nel 1846, medico e geologo Abraham Gesner distillato di cherosene dal carbone e ha scoperto che è infiammabile e che brucia con la luce molto più brillante rispetto al petrolio.

Le lampade a cherosene prime sono state fatte in modo indipendente da Ignacy Łukasiewicz della Polonia e Edwin Dietz di Stati Uniti d’America nel 1853. Essi sono stati progettati per avere un contenitore per il cherosene, piatto o uno stoppino tubolari o mantello e un camino di vetro. Dopo secoli di diverse soluzioni, ma non troppo efficaci per illuminazione pubblica nel 1792, l’ inventore William Murdoch ha usato gas distillato dal carbone per illuminare la sua casa. Nel 1807, Londra ha una prima strada illuminata con lanterne a gas, prima forma di lampadari moderni. Le lanterne a gas sono state poste sui montanti e venivano accese e spente a mano ogni sera e la mattina. Dopo che le altre città del mondo hanno seguito. Fino a quando è arrivata l’elettricità.

All’inizio del 19 ° secolo, Sir Humphry Davy ha impostato le basi per l’illuminazione elettrica. Ha eseguito un esperimento con una batteria e una striscia di platino collegate, dando vita ad un bagliore. Questo è stato l’inizio della lampada ad incandescenza. Dopo di lui, molti inventori hanno cercato di migliorare la lampadina ad incandescenza fino a quando Sir Joseph Swann e Tomas Edison è riuscito con un vuoto migliore e un filamento di carbonio. Dopo di che, il fulmine elettrico diffuso al mondo ed è ancora oggi nella stessa e nelle forme migliori.

 

 

Commenti chiusi.